Bitcoin è ancora una volta in cima alla scala finanziaria. Nuove prove suggeriscono che la valuta è cresciuta di quasi il 30% dal primo trimestre del 2020, e che ha anche superato molte attività di punta come l’oro, l’argento e il platino.

Bitcoin è ancora il leader finanziario dell’anno

Mentre strumenti come l’oro sono di solito molto apprezzati dagli investitori di tutto il mondo, l’attività non ha subito le stesse oscillazioni di prezzo del bitcoin nei primi mesi dell’anno. A marzo, ad esempio, il coronavirus ha iniziato a estendersi davvero oltre il laboratorio cinese iniziale che era stato creato e ha raggiunto il suolo straniero negli Stati Uniti, in Australia e in Europa. Da lì, i mercati finanziari su cui il mondo aveva imparato a fare affidamento hanno cominciato a soffrire molto.

A metà marzo si è assistito all’ascesa di quello che è diventato il cosiddetto Giovedì Nero, un periodo in cui molte delle principali crittocittà mondiali hanno subito un forte calo di valore da un giorno all’altro. Il Bitcoin, ad esempio, è sceso nella fascia alta dei 3.000 dollari, un calo di quasi il 70% rispetto alla cifra di oltre 10.000 dollari per cui era scambiato a metà febbraio.

Tuttavia, la valuta è riuscita a recuperare gran parte di ciò che ha perso. Al momento della stampa, è scambiata per oltre 9.200 dollari, anche se negli ultimi due mesi ha abbellito il range dei 10.000 dollari una o due volte.

L’oro, invece, non ha mostrato oscillazioni di prezzo simili. L’asset si è visto inizialmente scambiato nella fascia dei $1.300 una volta che il coronavirus ha colpito. Anche se la situazione era negativa, non ci è voluto molto prima che l’oro tornasse a 1.700 dollari, che è più o meno al punto in cui si trovava prima della pandemia. La Bitcoin ha guadagnato diverse migliaia di dollari. L’oro ha guadagnato solo 400 dollari. C’è una differenza enorme tra i due, e finora il bitcoin è in testa in termini di forza e resistenza.

Molti analisti non sono sorpresi dalle notizie che circondano il bitcoin. Ryan Watkins – un analista di bitcoin alla Messari – ha spiegato in una dichiarazione:

Dato che le azioni sono ormai vicine, o in alcuni casi superiori, ai loro massimi raggiunti a febbraio, non è sorprendente vedere il bitcoin fare lo stesso… L’oro è la risorsa più aspirazionale del bitcoin. Come il bitcoin, l’oro è una merce scarsa il cui valore deriva quasi interamente dal suo premio monetario.

Anche il bitcoin continua a fare progressi con il suo recente calo di volatilità. Un rapporto Bloomberg pubblicato all’inizio di luglio suggerisce che la valuta digitale leader mondiale per limite di mercato ha raggiunto nuovi minimi in termini di volatilità, e che questi livelli sono i più bassi da quando la valuta è salita a 20.000 dollari alla fine del 2017.

La volatilità scende, il prezzo sale

Mike McGlone, co-autore del rapporto, ha menzionato:

La volatilità dovrebbe continuare a diminuire man mano che il bitcoin estende la sua transizione all’equivalente cripto dell’oro da un bene altamente speculativo… Ci aspettiamo che la recente compressione si risolva attraverso prezzi più alti.

Written by